Seguici sui nostri social
Login

Venerdì Santo Anno C

Commento ai Vangeli della Passione

Sono sette le parole pronunciate da Gesù sulla croce.
Le parole di Gesù in croce, come settenario, sono sconosciute ai Padri della Chiesa. Esse emergono, pur senza ancora metterle in particolare evidenza, in Candido Bruun, monaco di Fulda (+ 845) e Pietro Comestor, chierico di San Vittore (+ 1179). Il primo trattato è di Arnol di Bonneval, cistercense (+ 1156), seguito con scritti e spiegazioni più lunghe da Gerard di Lüttich, Bonaventura, Guibert di Tournai, Baudouin d’Amsterdam, Gilberti de Tornaco, Pietro Giovanni Olivi, Geraldus Odonis, Ludolfo di Sassonia, Bernardino da Siena, Thomas Hemerken da Kempis, Roberto Bellarmino… La meditazione sul tema finì per diventare un tema abituale delle prediche della settimana santa, una tradizione che continua con autori di tutto rispetto del secolo scorso, come F. J. Sheen e K. Rahner, fino agli attuali T. Radcliffe (2006) e G. Ravasi (2019).

La spiegazione segue normalmente la sequenza stabilita da Vittorio da Capua:
1. Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno (Lc 23, 34).
2. In verità io ti dico: oggi sarai con me nel paradiso (Lc 23, 43).
3. Donna, ecco tuo figlio! Ecco tua madre! (Gv 19, 26-27).
4. Elì, Elì, lemà sabachtani? Che significa: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? (Mt 27, 46; Mc 15, 34).
5. Ho sete (Gv 19, 28).
6. È compiuto! (Gv 19, 30).
7. Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito (Lc 23, 46).

La sequenza delle “sette” parole non rispecchia i Vangeli. A rigor di termini è una composizione arbitraria. Ogni evangelista segue un proprio racconto, una propria teologia. Non si possono mettere una dietro l’altra prendendo da un Vangelo all’altro. Eppure la loro meditazione riempie di luce.
Nel computo delle “sette” parole di Gesù in croce non viene calcolata l’ottava, l’ultimo suo grido. In effetti non è una parola, ma un grido inarticolato. Lo riportano sia Marco che Matteo. Un grido improvviso, terribile, inatteso, forte: “Gesù, dando un forte grido, spirò” (Mc 15, 37); “Gesù di nuovo gridò a gran voce ed emise lo spirito” (Mt 27, 50). Marco usa la parola Anabao, gridare. Matteo krazo, gridare, senza articolare parola, gridare semplicemente dal dolore, non per farsi sentire da lontano.

Gesù muore in maniera drammatica. Non una parola, ma un grido, con tutto il fiato che gli rimane, l’ultimo. Quest’urlo, più di tutte le altre parole, lascia intuire quello che Gesù può aver vissuto. Ha fatto suo, ogni angoscia, ogni disperazione, ogni grido. Il grido delle vittime di violenze senza fine in Congo, di quelle travolte dalle inondazioni e dalle catastrofi ambientali di un pianeta impazzito, di quelle massacrate dall’Isis e dai bombardamenti di russi e americani in Siria; il grido dei profughi che si riversano in Europa, dei profughi annegati nel Mediterraneo, delle vittime della sanguinosa guerra in Ucraina, degli anziani soli che ho visitato nella casa di riposo, dei giovani sbandati, senza ideali e senza lavoro, delle famiglie divise o in difficoltà economiche o con persone malate a carico.

Gesù in quel grido ha fatto suo ogni grido. Poi il gran silenzio, senza risposta. Tutte le altre sette parole dicono qualcosa di grande, sono un insegnamento, meritano di essere ascoltate, meditate, commentate, come ha fatto la grande tradizione cristiana. Questa ottava è quasi scandalosa, la si sorvola facilmente, tanto è enigmatica. Ma forse è la più bella, quella che, senza parole articolate, dice il mistero che si sta compiendo su quella croce, talmente grande che è indicibile.

Eravamo maledetti e per portarci la benedizione si è fatto lui maledetto: «Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della Legge, diventando lui stesso maledizione per noi, poiché sta scritto: Maledetto chi è appeso al legno» (Gal 3, 13).

Eravamo piagati e ci ha guariti con le sue piaghe: «Dalle sue piaghe siete stati guariti!» (1 Pt 2, 24).
Eravamo nemici di Dio e ci ha portati ad essere suoi amici, ma gli è costata la vita: «quand’eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio per mezzo della morte del Figlio suo» (Rm 5, 10).
Eravamo peccatori perché disobbedienti e per costituirci giusti si è fatto peccato; ha dovuto obbedire in maniera radicale come noi mai saremmo stati capaci: «Infatti, come per la disobbedienza di un solo uomo tutti sono stati costituiti peccatori, così anche per l’obbedienza di uno solo tutti saranno costituiti giusti» (Rm 5, 19).
Gli siamo costati cari, come ricorda per due volte Paolo: «siete stati comprati a caro prezzo» (1 Cor 6, 20. 23). Lo ripete Pietro: «Voi sapete che non a prezzo di cose effimere siete stati riscattati…, ma con il sangue prezioso di Cristo, agnello senza difetti e senza macchia» (1 Pt 1, 18-19).
Gesù ha portato a compimento la sua missione non nella forza, ma nella debolezza e nella fragilità; non con una legione di angeli e un esercito di seguaci, ma nell’estrema solitudine; non nell’imposizione di un potere, ma nel servizio silenzioso e operoso. Niente mi sembra più bello di quel grido, parola non detta: la parola dell’amore più grande, la parola della nostra salvezza.