Seguici sui nostri social
Login

Safer Internet Day Study 2015: i nativi digitali conoscono veramente il loro ambiente?

Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente per la difesa e la promozione dei diritti dei bambini.
In continuità con le attività promosse sin dal 2010 in occasione del Safer Internet Day, anche quest’anno l’organizzazione ritiene opportuno raccogliere indicazioni utili a supportare le attività di comunicazione e di azione specifica, attraverso la ricerca sociale.
Obiettivo primario per il 2015 è quello di misurare i livelli di conoscenza e la consapevolezza dell’ambiente digitale da parte della popolazione dei teen italiani, altrimenti definiti come Millenials. Una delle diverse caratteristiche che contraddistingue questa generazione è la loro appartenenza al popolo dei «nativi digitali» *, vale a dire persone nate e cresciute in ambiente ampiamente digitalizzato.

Tuttavia, questa definizione, in opposizione a quella di «immigrati digitali» (cioè la parte di popolazione che ha sperimentato il passaggio da analogico a digitale) non collima automaticamente con la definizione di «sapienti digitali» né con quella di «consapevoli digitali»: non dobbiamo infatti dimenticare che l’universo digitale è stato creato proprio dagli immigrati, grazie alle loro competenze.
I nativi, viceversa, da un lato non hanno un bagaglio analogico da utilizzare come benchmark e, dall’altro, non sono mai stati formalmente socializzati alle «regole del gioco». Infatti, per sua stessa definizione, il World Wide Web è un ambiente caratterizzato da massima libertà e minimamente normato..